Piazza Municipio

Piazza MunicipioE' il "salotto buono" di Arpino, le sue linee architettoniche armoniose ed eleganti, le tinte calde e gentili delle sue facciate accolgono il visitatore per introdurlo nel cuore della città.

Centro della vita sociale, culturale e religiosa cittadina, la Piazza Municipio sorge sul sito dell'antico Forum romano, situato all'incrocio tra gli assi viari principali del decumanus, che comprende le odierne vie Giuseppe Cesari e dell'Aquila Romana e del cardo, corrispondente al tracciato dell'attuale Via del Liceo.
 
A conferma di ciò nel centro della piazza è visibile un  tratto dell'antico basolato romano, venuto recentemente alla luce (2006) durante le opere di riqualificazione urbana del centro storico cittadino. Da notare i vari strati su cui il lastricato è sistemato e  la perfezione della cloaca. Un altro tratto, portato a livello strada, si può vedere in via dell'Aquila Romana.

Un tempo parzialmente inglobata nel cortile di Palazzo Boncompagni, la piazza deve la sua sistemazione definitiva e il suo ampliamento al periodo della dominazione francese (1811-1814),  quando assunse la sua attuale fisionomia architettonica ed urbanistica, recuperando la primitiva funzione di centro della vita cittadina.

Liceo Classico "Tulliano"Arrivando dalla via Giuseppe Cesari, che collega il centro con Fuoriporta, si nota sulla sinistra il monumento in bronzo a Caio Mario (1938). Di seguito, si erge la settecentesca facciata della Collegiata di S. Michele Arcangelo, dalle linee sobrie e regolari inframmezzate da elementi decorativi barocchi.

Sulla destra, ad angolo con la Via Cesari, il porticato dell' edificio che ospita il Liceo Ginnasio-Convitto Nazionale Tulliano.

Questo celebre luogo d' istruzione è l'erede del secentesco Collegio dei  SS. Carlo e Filippo, a lungo diretto dai Padri Barnabiti. Nel 1814 Gioacchino Murat, allora Re di Napoli, lo costituì "collegio con convitto", riorganizzandone i programmi di studio sul modello dei licei francesi e trasferendone le competenze allo Stato.

Nel 1820 l'istituto venne trasferito nel monastero soppresso delle Cappuccinelle, sede che venne di seguito ampliata con l'aggiunta dei locali dell'ex Teatro cittadino, caratterizzati dall'ampio ed elegante porticato esterno,  fino a raggiungere, nel 1890, l'attuale aspetto.

La tradizione di studio del Tulliano, tuttora assai prestigiosa, rivive ogni anno nei giorni del Certamen Ciceronianum Arpinas, che richiama giovani liceali di tutto il mondo che si cimentano su opere di Cicerone, confermando Arpino ed il suo Liceo come veri centri internazionali per la diffusione della cultura classica.

Statua di CiceroneSulla facciata del "Tulliano", a sottolineare il suo legame con un'illustre tradizione, sono collocati all'interno di nicchie ovali i busti di Caio Mario, Marco Tullio Cicerone e Marco Vipsanio Agrippa, ciascuno sovrastante un'iscrizione latina che ne rievoca la memoria.

Le iscrizioni che appaiono invece sulle architravi delle finestre riportano il nome della famiglia de Theodinis, che fu proprietaria dell'edificio fino al 1629. Sul lato dell'edificio che dà sulla Via Giuseppe Cesari, un'iscrizione latina ricorda l'antica grandezza di Arpino ed è sovrastata dallo stemma della città.         
       
Torniamo alla Piazza Municipio per osservare il monumento in bronzo a Cicerone (1958), opera dello scultore Ferruccio Vecchi, e il complesso architettonico di Palazzo Boncompagni, che chiude ad angolo retto la Piazza.  L'aspetto attuale dell'edificio risale ai primi dell'Ottocento. Sulla facciata di sinistra, a due ordini di finestre, notiamo lo stemma della città e subito al di sotto un'iscrizione latina dedicata a Carlo III di Borbone, a ricordo dell'operato del sovrano in favore della città. Ai lati dell'iscrizione sono visibili i  busti di Vittorio Emanuele II e di Giuseppe Garibaldi.

Sulla facciata di destra, sulla quale si apre una lunga balconata, si notano tre portali, uno dei quali mette in comunicazione la piazza con il Corso Tulliano. Sono inoltre visibili i busti del Cavalier d'Arpino e di S. Francesco Saverio Maria Bianchi.

Un tempo sede dell'Amministrazione Comunale, attualmente il Palazzo è sede provvisoria della "Fondazione "Umberto Mastroianni" .
Entriamo nel Palazzo per notare subito, a sinistra, il frammento di  pavimento a mosaico del II-III sec. d.C. rinvenuto durante gli scavi condotti nei pressi della Collegiata di S. Michele. Salita l'ampia scalinata che conduce ai piani superiori, ci si trova nelle sale espositive della Fondazione Mastroianni. Vale la pena di salire fino al secondo piano del palazzo per ammirare il frontale del monumento funerario romano della famiglia dei Fufidi, contemporanei di Cicerone, i cui membri furono esattori per il Municipium di Arpino delle rendite provenienti dai territori della Gallia Narbonese donati da Caio Mario.

Le dedicatarie del monumento erano tre donne della famiglia :  "FVFIDIVS NOTVS FECIT V[IVENTIBUS] / FVFIDIAE P.L./ NOTAE SORORI / FVFIDIAE P. LAVGE / MATRI/ FVFIDIAE P.L. /SATVRNINAE V. "